Categorie
Statistiche

La felicità e il benessere? Te li regala il cucciolo di casa

Il lockdown sarebbe stato molto più duro senza Fido o Micio. Ne sono convinti gli italiani, moltissimi, che condividono vita e spazi con un animale domestico. E’ questo il primo dato che emerge dal sondaggio che Federchimica Aisa ha realizzato in collaborazione con Swg per comprendere a fondo la natura del rapporto che lega gli italiani ai 60 milioni di animali domestici presenti in Italia. In particolare, il periodo più severo delle restrizioni è stato confortato proprio dalle presenza di cani e gatti, considerati preziosi dall’80% dei rispondenti. In generale, un animale da compagnia in famiglia viene visto come un importante contributo alla salute psicologica e un supporto allo sviluppo dei bambini.

Un italiano su due ha un animale 

La ricerca ha messo in luce che ben un italiano su due possiede un animale domestico. Il 67% degli intervistati ha dichiarato di aver accolto in casa un pet per avere compagnia, e la percentuale sale ancora di più (73%) tra gli individui che non hanno figli. Insomma, cani, gatti,, criceti e furetti diventano a tutti gli effetti dei veri e propri membri della famiglia e così sono considerati da oltre il 90% del campione. Tra gli animali da compagnia, è il cane quello preferito dal 62% dei rispondenti, mentre il gatto ha un gradimento che tocca il 55%. Infine, una buona percentuale di italiani – il 27% – ha scelto di condividere la propria esistenza con specie più originali, come pesci, volatili, roditori e animali esotici come serpenti e iguane.

Questione di affetto

“L’essere umano nasce con un forte desiderio di relazione con gli animali, basti pensare ai bambini. Gli animali compaiono nei fumetti, nelle fiabe, nei giocattoli e da adolescenti i supereroi hanno di nuovo caratteristiche animali come Batman o Spiderman” ha precisato l’etologo Roberto Marchesini. “Tutto questo ci fa capire che l’essere umano è affascinato dal mondo animale e quindi forse in questo periodo semplicemente c’è un maggior interesse verso l’aspetto affettivo, forse ricerchiamo negli animali qualcosa che non abbiamo e che ci manca”. Qualunque sia la ragione, gli italiani hanno stretto negli anni un legame sempre più stretto con gli amici a quattro zampe, percepiti come “portatori” di felicità, allegria e benessere. Mai senza un compagno a quattro zampe, quindi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.